Ecografia dell'Addome Inferiore - Maiormed
L'ambulatorio polispecialistico di Roma. Maiormed è una struttura ambulatoriale dotata di personale specializzato e macchinari all’avanguardia per diagnosi e visite specialistiche.
16747
page-template-default,page,page-id-16747,page-child,parent-pageid-16611,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

Ecografia dell’Addome Inferiore

L’ecografia dell’addome inferiore (o ecografia della pelvi) va necessariamente distinta nei due sessi, maschile e femminile, in relazione alla presenza di organi differenti.

È una tecnica di diagnostica per immagini, indolore, non invasiva, che tende ad ottenere una immagine della vescica e della prostata nell’uomo, di vescica utero ed ovaie nella donna attraverso l’uso degli ultrasuoni.

La sonda viene appoggiata sulla pelvi per tutta l’estensione ed attraverso diverse scansioni si ottengono informazioni dettagliate in merito alle diverse patologie ed alle diverse conformazioni anatomiche quali aumenti volumetrici di utero e ovaie nella donna o della prostata nell’uomo.

Consente, inoltre, di valutare eventuali lesioni nodulari prostatiche, fibromi o fibromiomi uterini, lesioni ovariche e formazioni intravescicali o parietali.

Quando fare l’Ecografia della Pelvi Maschile?

L’ecografia della Pelvi Maschile è indicata in caso di:

  • Prostatite (infiammazione della prostata)
  • Incremento del PSA alla diagnostica di laboratorio
  • Presenza di dolore o fastidio alla minzione
  • Presenza di dolori al basso ventre
  • Comparsa di perdite ematiche urinarie
  • Sensazione di massa pelvica
  • A seguito di traumi dell’addome inferiore
  • In presenza di urgenza minzionale
  • Netto aumento del numero delle minzioni giornaliere, soprattutto se notturne

Quando fare l’Ecografia della Pelvi Femminile?

L’ecografia della Pelvi Femminile è indicata in caso di:

  • Presenza di dolore al basso ventre
  • Persistenza di disturbi del ciclo mestruale
  • Presenza di dolore o fastidio alla minzione
  • Presenza di dolori al basso ventre
  • Comparsa di perdite ematiche urinarie
  • Sensazione di massa pelvica
  • A seguito di traumi dell’addome inferiore
  • In presenza di urgenza minzionale
  • Follow up della sindrome dell’ovaio policistico
  • Follow up di fibromi o miomi uterini
  • Follow up delle formazioni cistiche ovariche e non

Quale preparazione effettuare?

Per eseguire tale esame è necessaria un’adeguata preparazione che miri ad ottenere un riempimento vescicale ottimale al fine di poter valutare gli spessori parietale ed utilizzare la finestra vescicale per visualizzare la ghiandola prostatica nell’uomo, l’utero e le ovaie nella donna; e precisamente:

  • Bere 1,5 litri di acqua 40 minuti prima dell’esame per riempire la vescica ed evitare di urinare in tale lasso di tempo.

Esami Precedenti e Quesito Clinico

Al momento dell’esame, il Paziente deve recare in visione gli esami effettuati in precedenza utili per la valutazione del caso anche in termini di evoluzione nel tempo. E’ inoltre fondamentale che sia chiaro il “Quesito Clinico”. Ovvero la diagnosi già accertata o sospettata, oppure il sintomo prevalente per cui si esegue tale accertamento. La conoscenza del Quesito Clinico consente al Medico Specialista di formulare risposte clinicamente precise rispetto al quesito posto.

Chiama Ora