Urea Breath Test - Maiormed
L'ambulatorio polispecialistico di Roma. Maiormed è una struttura ambulatoriale dotata di personale specializzato e macchinari all’avanguardia per diagnosi e visite specialistiche.
16825
page-template-default,page,page-id-16825,page-child,parent-pageid-16611,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.1.1,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

Urea Breath Test

L’Urea Breath Test è un test rapido, non invasivo e sensibile e serve a valutare la presenza dell’Helicobacter pylori nella mucosa gastrica.

L’Helicobacter pylori (Hp) è un batterio Gram negativo spiraliforme che colonizza la mucosa gastrica potendo causare gastrite cronica e ulcera gastro-duodenale. E’ anche considerato un fattore di rischio per lo sviluppo del cancro gastrico e del linfoma gastrico.

L’ Hp, ha un modo tutto particolare di adattarsi all’ambiente inospitale dello stomaco: lo stomaco è protetto dal suo stesso succo gastrico, da uno spesso strato di muco che ricopre la mucosa gastrica, e l’Hp approfitta di questa protezione, vivendo e moltiplicandosi proprio nello strato mucoso.

Al riparo dal succo gastrico, neutralizza poi l’acido che riesce a raggiungerlo, mediante un enzima che possiede, chiamato “ureasi”. L’ureasi converte l’urea, contenuta abbondantemente nello stomaco, in

bicarbonato ed ammonio, che neutralizzano l’acido cloridrico. Si crea quindi una piccola “nuvola” di prodotti chimici che neutralizzano l’acido intorno all’ Hp e lo proteggono. La reazione della idrolisi dell’ urea, viene utilizzata nella diagnosi di infezione da Hp: è infatti alla base dell’ “Urea Breath Test”, uno dei test più sensibili ed affidabili oggi disponibili.

Le malattie maggiormente associate alla presenza dell’Helicobacter Pylori sono l’ulcera duodenale, l’ulcera gastrica, i tumori dello stomaco (adenocarcinoma gastrico; linfoma maligno a basso grado o MALToma), la dispepsia non ulcerosa ed alcuni casi di nausea e vomito.

L’Urea Breath-test (test del respiro) sfrutta la capacità del batterio di scindere l’urea. Somministrando una soluzione contenente urea marcata con un isotopo del carbonio (C13) questa viene scissa dall’ureasi nello

stomaco con conseguente produzione di CO2 marcata che si ritrova dopo mezz’ora nell’espirato.

In cosa consiste il Test?

All’inizio del test viene raccolto un primo campione di aria espirata all’interno di un’apposita provetta, viene quindi somministrata una compressa disciolta in acqua di Urea-C13 e viene raccolto un nuovo campione di aria espirata in un’altra provetta dopo circa 30 minuti.

Dalla quantità di CO2 marcata presente nel respiro dopo 30 minuti, si risale alla presenza di Hp nello stomaco. L’Hp, infatti, scinde l’urea in bicarbonato (e quindi anche CO2) ed ammoniaca e quindi nel paziente con una infezione da Hp, la CO2 marcata espirata dopo mezz’ora sarà superiore a quella espirata da una persona senza infezione.

Il risultato del test viene considerato positivo quando la differenza di concentrazione della CO2 marcata nell’espirato dopo la somministrazione dell’urea marcata è superiore a 5 (delta superiore a 5.0)

Come si esegue il Test?

  • Campionamento dell’aria espirata prima dell’assunzione di UREA.
  • Assunzione di una compressa di Urea disciolta in 1,5 g di acido citrico disciolto ed acqua (in questo modo si rallenta lo svuotamento gastrico).
  • Campionamento dell’aria espirata dopo 30 minuti.

Il test ha una durata di 30 minuti.

Quale preparazione effettuare?

Per la corretta esecuzione del test sono richiesti:

  • Nelle quattro settimane prima dell’esecuzione del test non si deve assumere alcuna terapia con ANTIBIOTICO
  • Nelle ultime due settimane alcun farmaco GASTROPROTETTORE o ANTISECRETORE GASTRICO (es.: farmaci a base di omeoprazolo, cimetidina, ranitidina cloridrato, Magnesio Idrossido/Algeldrato e Bismuto)
  • Negli ultimi tre giorni ANTIACIDI quali Gaviscon, Advance, Gastrogel, Maloox, Riopan,etc.
  • Prima dell’esame è necessario un digiuno di almeno 8 ore. Si può assumere esclusivamente acqua non gassata.
  • La mattina prima del test: lavare bene i denti e sciacquarsi la bocca con collutorio
  • Evitare di fumare nelle ore e nei minuti precedenti il test (cioè fin dalla mezzanotte precedente) poiché il fumo altera la composizione gassosa del respiro riducendo l’attendibilità del test.
  • Durante l’effettuazione del test si dovrà evitare di mangiare, di fumare e di sottoporsi a sforzi fisici. Si potrà assumere solo una piccola quantità (mezzo bicchiere) di acqua naturale non gassata.
Chiama Ora